Cos’è il Sound Branding? - Beetroot srl

Cos’è il Sound Branding?

Il Sound Branding cos'è? Ecco la nuova strategia di marketing aziendale che punta sul valore del suono per il marketing e per i brand. Una nuova strategia di marketing aziendale che punta sul suono per rafforzare la brand awareness.

“Molti studi cognitivi hanno confermato come suoni e musica rilevanti possano realmente avere un peso nella scelta di una determinata marca da parte dei consumatori e nella relazione con quest'ultima nel lungo periodo” (Marco Frisina).

Sound branding, o marchio sonoro, rappresenta l’identità sonora di un brand. Il sound branding, infatti, utilizza suoni durante la pubblicità dei brand al fine di facilitare la memorizzazione del brand e renderlo riconoscibile tra i competitor.
Nella maggior parte dei casi si tratta di melodie brevi, circa 3 secondi, molto caratteristiche, posizionate all’inizio o alla fine di uno spot. Quindi, il sound branding introduce nuovi strumenti per implementare i codici di veicolazione e connotazione dell’identità di una marca.

Uno dei motivi che ha dato grande impulso al sound branding è l'assuefazione agli stimoli visivi da parte dei consumatori. Così, le melodie che accompagnano la brand identity hanno proprio il compito di catturare l'attenzione delle persone e mantenerla nel tempo.
Sono sufficienti solo 0,146 secondi per ottenere una reazione positiva a uno stimolo sonoro e nessuna necessità di creare particolari contesti. Infatti, l’udito è il senso più connesso con la porzione più istintiva del cervello e meno controllabile del nostro sistema nervoso, per tale motivo, l’influenza del suono sulla sfera sensoriale umana è potentissima, consentendo di creare percezioni rapide e profonde.
In questo modo le emozioni generate dai suoni penetrano nella mente del consumatore e permettono di imprimere nella memoria il ricordo del brand. Il suono ha anche la capacità di trasmettere valore e rafforzare la reputazione del marchio.

Diversi studi mostrano come il consumatore reagisca più velocemente al suono piuttosto che ad altre stimolazioni. I suoni, quindi, si possono considerare un trigger emotivo, un interruttore che scatta nella mente in grado di stimolare associazioni che le immagini da sole non possono essere in grado di trasmettere.
Quindi, si può affermare che il suono ha il potere di rafforzare la memorizzazione del prodotto andando oltre il visual branding. Ma è proprio la combinazione di sound branding e visual branding che determina il forte riconoscimento di un marchio.

Le qualità fondamentali per la memorizzazione di un sound logo sono l’unicità, la memorabilità e la pertinenza con il brand. Il suono valorizza, dunque, l’esperienza del prodotto aumentando la connessione emozionale tra il consumatore e il brand. Per questo motivo creare un sound logo richiede studi e analisi basati sulla conoscenza dei meccanismi neuro-funzionali, dato che il comportamento d’acquisto del consumatore è dettato soprattutto da aspetti emotivi, motivazionali e sensoriali.
Inoltre il sound branding può creare un sistema di suoni coordinato utilizzabile non solo in una pubblicità, ma anche, per esempio, in un sito web, oppure in ambienti fisici come un punto di vendita, una sala d’aspetto, uno stand fieristico. Quindi, attraverso il sound branding è possibile incrementare nuove componenti esperienziali di una brand identit. Esistono diversi esempi di successo di sound logo, quali: Intel, la quale attraverso un memorabile sound logo, è riuscita a passare dallo status di semplice produttore di componenti elettroniche a marca con un'identità riconoscibile; McDonald che, con il sound logo di I'm Loving it, riconosciuto dal 93% delle persone a livello mondiale, è riuscita a consolidare il suo status di lovemark; Enel, la cui identità sonora comunica il nuovo posizionamento “Open Power”, riuscendo a unificare il brand message nei vari punti di contatto; Visa che ha creato sound elements per confermare il buon esito del pagamento e tranquillizzare i suoi clienti.

Spesso ancora il sound branding non è considerato del tutto un asset strategico, ma piuttosto uno strumento complementare al contenuto visuale, adducendo però quindi un valore aggiunto. Pertanto, considerato che già oggi i consumatori ritengono invasivo il bombardamento di immagini e contenuti video, le tendenze del prossimo futuro vedono un utilizzo sempre maggiore delle tecnologie vocali.
Sulla base di queste nuovo trend gli scenari futuri per il sound branding risultano molto interessanti. Diversi settori economici utilizzeranno sempre di più e in maniera strategica il sound branding, dal settore servizi finanziari e Fintech, alla mobilità elettrica, al settore wellness/fitness.
In sintesi, il sound branding è un elemento di brand communication che sta acquisendo sempre più rilievo e oggi rappresenta un efficace strumento di strategico comunicazione, di marketing e di advertising.