fbpx
Content Marketing 1170x700

Content Marketing: cos'è e perché è importante!

Cos’è il Content Marketing e perché per un’azienda è importante avere una strategia content? È una domanda che molte realtà di business si pongono quando si approcciano al mondo online e a cui non sempre i marketers sono in grado di rispondere.Il Content Marketing è una strategia di online marketing. Molti semplificano riducendolo alla sola scrittura di contenuti su un blog, ma non c’è niente di più sbagliato che far esaurire il content marketing con la più semplice attività di blogging. Fare blog significa sì produrre contenuti, ma fare content marketing significa piuttosto utilizzare i contenuti come strumento di marketing per costruire e ampliare l’awareness del brand online e conferirgli autorevolezza.

Per dare una definizione accademica di content marketing riportiamo quanto scrive proprio il Content Marketing Institute: “Il content marketing è un processo aziendale di produzione di contenuti che si facciano notare, creati per attirare gli utenti e fidelizzarli, in modo da poter costruire un audience target definito, con l’obiettivo di condurlo a compiere azioni che generino profitto per l’impresa”. Quindi, i contenuti devono essere pensati in maniera strategica e analitica per assolvere a una funzione di marketing, ma devono anche contenere una buona percentuale di creatività e innovazione: l’obiettivo è distinguersi dai competitors e trasmettere quel valore aggiunto agli utenti che possa farli affezionare al brand. Utilizzare un tono e uno stile unico e arguto, magari anche un po’ umoristico, potrebbe essere quel quid in più che i clienti cercano. Tuttavia è chiaro che i contenuti devono essere allineati rispetto alla mission e alla vision del brand; non perdere mai di vista questi aspetti è fondamentale per non rischiare di deludere l’audience con contenuti lontani dallo stile e dai valori di cui il brand è portatore.

Ma perché impostare una strategia di content marketing è così importante? Il fine ultimo è quello di costruire una relazione solida e di fiducia con il pubblico; non a caso infatti parliamo di pubblico, audience appunto, e non semplicemente di target. Un tempo la comunicazione attraverso i media tradizionali era concepita per inviare messaggi finalizzati alla mera vendita di prodotti o servizi: le persone erano considerate in quanto clienti, ovvero coloro che avrebbero compiuto l’azione dell’acquisto. Ultimamente però con l’espansione dell’online e del digitale, i clienti, le persone, non si accontentano più solo di ricevere messaggi che spingono verso l’acquisto, ma cercano il contatto con il brand: desiderano ascoltare, vedere e leggere dell’azienda, vogliono raccontata una storia coerente e di valore. Ecco allora che il target si trasforma in audience, un pubblico di seguaci che l’azienda deve sapersi costruire e coltivare.

In quest’ottica allora è facile comprendere quanto sia rilevante per un’impresa disegnare una propria presenza online che racconti di sé attraverso la diffusione di contenuti organici e armonici rispetto all’identità dell’impresa stessa. Questo non è certamente un lavoro semplice e proprio per tale motivo bisogna dotarsi di una strategia di difussione dei contenuti molto precisa e attenta.
Innanzitutto per creare una strategia di content marketing è necessario:
  1. individuare l’obiettivo da raggiungere, ovvero che tipo di narrazione si vuole avviare e dove si vuole portare l’utente;
  2. definire una timeline, per scadenzare la pubblicazione dei contenuti e dare loro un ordine;
  3. identificare il pubblico, perché è essenziale sapere per chi vengono creati i contenuti;
  4. scegliere la tipologia dei contenuti, se testuali, visuali, auditivi o un mix di essi;
  5. fare molta ricerca sulle parole chiave e sulle attività dei principali competitors;
  6. stabilire i canali di diffusione dei contenuti, così da attribuire correttamente i canali su cui inserire i diversi contenuti. Instaurare delle partenership esterne potrebbe essere una mossa vincente per una migliore circolazione dei contenuti;
  7. predisporre un strumento di misurazione dei risultati per poter valutare l’andamento della strategia ed essere in grado di intervernire su di essa.
Come dicevamo, attraverso i contenuti si può coinvolgere il pubblico e farlo entrare in relazione con l’azienda, attivando il processo di fidelizzazione. L’impresa che riesce a produrre quei contenuti originali che corrispondo alle ricerche e alle aspettative degli utenti, sarà colei che riuscirà a ottenere l’engagement da parte dell’audience e con ogni probabilità il successo sul mercato. Con una buona strategia di content marketing si possono ottenere numerosi vantaggi a diversi livelli. I principali benefici riguardano:
  • brand awareness
  • brand image
  • brand reputation
  • maggiore traffico sui canali online del business (social, sito web, e-commerce, ecc.)
  • più alto tasso di conversione online
  • maggiore visibilità organica sui motori di ricerca (SEO)
  • maggiore traffico referral (visite al sito provenienti da fonti esterne)
  • fidelizzazione e soddisfazione degli utenti
Bisogna ricordare che nel mondo online il contenuto la fa da padrone, tuttavia bisogna distinguere tra l’importanza di produrre contenuti e la quantità di contenuti prodotti. Sembra banale dirlo, ma è bene ricordarlo, fare content marketing non vuol dire produrre quanti più contenuti possibili, ma significa fornire i giusti contenuti al giusto pubblico, utilizzando le modalità, lo stile e gli strumenti giusti per raggiungere gli obiettivi di business. La qualità è sempre ciò fa la differenza!





ISCRIVITI PER RIMANERE AGGIORNATO SU BUSINESS, DESIGN E INNOVAZIONE

* indicates required
/ ( dd / mm )